Alienazione culturale e revisionismo linguistico: l’obituary e il necrologio dell’italiano

di Antonio Zoppetti

Parigi, 1947.
Christian Dior presenta la sua prima collezione dallo stile nuovo e affascinante fatto di bustini, vite strette e figure allungate. Un’importante giornalista americana gli si avvicina e lo elogia: “I suoi abiti hanno un tale new look…”. Un corrispondente della Reuters è colpito da quelle parole che ha origliato e le trascrive immediatamente su un pezzo di carta in cui abbozza un pezzo. Poi appallottola il foglio e lo lancia dalla finestra. Sotto c’è appostato il suo gancio che lo raccoglie e lo detta subito all’agenzia. E così la notizia esce prima negli Stati Uniti che in Francia, dove i giornali sono in sciopero. La rivoluzione del new look ha inizio, nel mondo della moda ma anche nella lingua; questa espressione nuova ed esotica per uno stile nuovo attecchisce immediatamente, per entrare nella lingua dei giornali e poi dei vocabolari.

La moltiplicazione di look e di new

Le espressioni importate dall’inglese sono sempre di più, non sono poche manciate di parole isolate come accade con gli altri forestierismi, sono diventate migliaia. E più che “prestiti” sono trapianti che si innestano nel nostro ecosistema linguistico per germogliare e riprodursi mandando in frantumi i suoni e le regole dell’italiano, una lingua che nel mondo è amata in modo straordinario ma che in patria è svilita e calpestata giorno dopo giorno.
Per due terzi gli anglicismi sono composti da due elementi, che una volta trapiantati si ricombinano con gli altri in una rete sempre più fitta che si allarga nel nostro lessico e prende vita soffocando le nostre parole. E così, dopo un innocente new look di antica importazione, oggi è normale parlare anche semplicemente di look, per indicare l’aspetto di qualcuno, il suo modo di vestire o persino il suo nuovo taglio di capelli. Un abbigliamento coordinato (o se preferite un outfit) si esprime con l’espressione total look, mentre l’effetto nudo di un abito trasparente è il nude look, e un look maker è chi cura o crea l’immagine di qualcun altro.
Quanto alla nuvola di espressioni composte da new si sono moltiplicate in modo ancora più esteso, tante new entry lessicali che nell’era della new economy si sono radicate al punto che oggi le notizie dei giornali (sempre più newsmagazine) sono news e spesso fake news.

Dalla commemorazione all’obituary

Quello che colpisce nell’articolo del Corriere che la scorsa settimana ha commemorato Christian Dior (di cui oggi ricorre la scmparsa) non riguarda però l’uso storico e tutto sommato comprensibile di new look, ma il nuovo anglicismo che si vuole diffondere rappresentato dall’introduzione di una nuova categoria con cui il pezzo è classificato: obituary!

Il new look dell’italiano è legato simbolicamente proprio all’abbandono del suo vecchio suono, sono le due facce della stessa medaglia.

Questo passaggio all’inglese dato per scontato è una novità dal punto di vista lessicale, ma non certo dal punto di vista dei meccanismi che introducono gli anglicismi per abituarci alla loro presenza e dunque a usarli. Obituary non solo non è registrato dai dizionari, ma non è nemmeno (ancora) stato incluso tra i neologismi Treccani e il suo impiego non ha alcuna giustificazione se non quella tipica delle culture coloniali in cui i colonizzati, invece di ribellarsi, cominciano a pensare compiaciuti con i concetti e la lingua della cultura che li domina. È un meccanismo ben conosciuto sin dai tempi dell’antica Roma, quando Tacito lodava Agricola per aver saputo romanizzare i Britanni assoggettati, e indurli a ritenere la lingua e i costumi Romani superiori. Senza questo processo culturale nessuna conquista sarebbe stata duratura. E così i popoli sottomessi chiamavano la romanizzazione “cultura” ma era parte del loro asservimento.
Oggi il nuovo colonialismo culturale e linguistico salta la fase degli eserciti, almeno in Italia, e arriva direttamente attraverso i prodotti di intrattenimento: il cinema, la tv e la Rete; attraverso la pubblicità e l’espansione delle multinazionali; attraverso la conquista dei centri di irradiazione della cultura, le università, la tecno-scienza, i giornali… e attraverso i collaborazionisti dell’inglese che occupano le posizioni strategiche, che si formano sui modelli culturali inglesi e li propagano insieme alla loro lingua.

Cercando nell’archivio del Corriere si vede che fino al 2018 obituary era poco più di un occasionalismo che ricorreva – se ricorreva – una volta o due all’anno. Ma nel 2018 la sua frequenza è improvvisamente salita a 26 volte, ed è rimasta su questi valori anche nel 2019 e nel 2020 (rispettivamente 18 e 24 volte) per raddoppiare nel 2021 (46 volte) e rimanere su questi livelli anche nel 2022 (36 occorrenze a ottobre).
Come mai?

Perché nel 2018 il giornale ha deciso di inserire questa nuova categoria in inglese, in un primo tempo preceduta dalla dicitura “il bello delle persone”, per poi lasciare solo l’anglicismo. È la solita tecnica con cui si introducono gli anglicismi a cui i mezzi di informazione ci vogliono educare: inizialmente sono spiegati, poi si abbandonano le spiegazioni e si lascia solo l’inglese.

Che cosa significa obituary?

Per comprendere questo nuovo atto di vandalismo nei confronti della lingua italiana può essere utile leggere un articolo di gennaio di quest’anno su La Repubblica. È un pezzo di Giacomo Papi intitolato “Quando la fine racconta il senso delle nostre vite” in cui si legge:

Per capire le persone bisogna immaginarle morte. A me capita di farlo con gli amici e le amiche, quando muoiono, ma a volte anche da vivi. (…) L’obituary costringe a mettere a distanza, per fare rivivere qualcuno attraverso i dettagli. I necrologi a pagamento all’opposto – “death notices“, in inglese – sono sempre di circostanza e non mostrano mai niente se non il ruolo sociale, le relazioni e il potere del morto. E infatti nei corsi di scrittura scrivere obituary è utile: raccontare una persona amata a chi non l’ha mai conosciuta obbliga a vedere i particolari rivelatori e a condividerli.

L’articolo celebra gli articoli commemorativi, gli elogi di chi muore, che nei giornali partono di solito da quello che in gergo si chiama “coccodrillo” (se adesso non lo chiamano crocodile), e cioè una biografia di chi è in vita, già impostata e pronta per essere pubblicata con l’aggiunta del luttuoso evento di un’improvvisa dipartita. Altre volte queste rievocazioni nostalgiche, questi amarcord, per usare una voce romagnola resa celebre da un film di Fellini, sono invece legati agli anniversari, come nel caso di Christian Dior.
Dietro l’obituary c’è semplicemente un elogio di chi è scomparso, una commemorazione, un necrologio, un “in ricordo di…” Queste cose esistono da sempre, non sono certo una novità.
Perchè adesso le si vuole esprimere in inglese?

Il revisionismo liguistico (la cancel culture dell’italiano)

I discorsi che gli oratori Greci pronunciavano per celebrare i personaggi importanti scomparsi, o gli eroi caduti per la patria, erano gli epitaffi, che successivamente in epoca romana indicavano anche le lodi scritte sulle lapidi e sui monumenti funebri, quelli celebrati da Foscolo nei Sepolcri, che nell’attuale revisionismo linguistico e culturale si potrebbe forse riscrivere: A egregie cose il forte animo accendono gli obituary e l’urne dei forti…

Oggi la commemorazione, l’epitaffio in senso etimologico e figurato non esistono più, vengono cancellati perché nel cambio di paradigma culturale c’è solo l’inglese. È la cancel culture della nostra lingua.

Il giornalista di Repubblica, come se ignorasse non solo l’italiano, ma un millennio di storia Greca, Romana e italiana, crede che esista solo l’inglese, e si affanna a spiegare la differenza – come dicono gli inglesi – tra obituary e necrologi a pagamento, e tutta la tradizione oratoria classica è spazzata via dal lessico del nuovismo: ciò che nei corsi di scrittura insegnano… quali corsi di scrittura? I nuovi corsi coloniali che partono esclusivamente dai testi in inglese, e che introducono la terminologia e i concetti inglesi, quelli che ormai si chiamano corsi di storytelling nella folle visione in cui sembra esistere solo l’inglese e la cultura d’oltreoceano. Una nuova cultura che sa solo ripetere, invece di saper elaborare e creare autonomamente.
In questa transizione non c’è nemmeno spazio per l’epitaffio della nostra lingua, per la sua commemorazione, per il suo elogio funebre, per il suo memoriale celebrativo. C’è solo l’obituary della lingua di Dante e della classicità che viene eradicata e sostituita da nuove radici trapiantate che vengono diffuse dai giornali che scimmiottano senza adattare ciò che arriva dagli Usa.

Anglicismi come questi non sono un arricchimento, sono l’impoverimento e la distruzione della nostra storia, delle nostre radici. Siamo in presenza dell’alienazione alberto-sordiana – tpically italian – di chi vuole fare l’americano, di chi ignora la nostra lingua e storia e la riscrive in modo servile con la lingua e la logica dei nuovi “conquistatori” perché se ne vergogna, in preda a un complesso di inferiorità che scambia per internazionale, ma è solo la cartina al tornasole del nostro piccolo e patetico provincialismo.

Il progetto politico dell’itanglese

La prima notizia del Corriere.it di oggi è in itanglese, e non è una novità, è la norma.

Fallito il tentativo di chiamare la certificazione verde con il suo nome, “verde” per l’appunto, il green pass si è evoluto nel super green pass, e tra test, boom, hub e task force è l’italiano a essere messo tra virgolette quando si parla di documento “rafforzato”. L’unica nota positiva è terza dose invece di booster.

È ormai evidente che l’itanglese non è solo una realtà, è una precisa scelta comunicativa di tutti gli apparati mediatici, dai giornali alla televisione. L’itanglese è la lingua che si usa nel lavoro, dove le mansioni, le funzioni e anche il gergo dell’ambito si esprimono sempre più con parole inglesi. L’itanglese è la lingua dell’informatica e di Internet, delle pubblicità e delle insegne dei negozi, è l’idioma dei tecnici, degli scienziati, degli imprenditori, di sempre più uomini di cultura che ne fanno una scelta sociolinguistica per elevarsi e identificarsi in un gruppo “superiore” di appartenenza.
L’itanglese è la lingua delle manifestazioni culturali e degli eventi, è la lingua delle Poste italiane che nella nuova nomenclatura abbandonano i pacchi celeri e la posta ordinaria in nome del delivery. L’itanglese è la lingua del Miur – ora rinominato Mur – che tra soft skills e centinaia di altri anglicismi prepara ed educa gli studenti all’itanglese del lavoro e del futuro, mentre i giovani, imbevuti sin dalla culla di interfacce informatiche, videogiochi, titoli di film e di serie in inglese che veicolano i costumi e la società angloamericana (da Halloween al Black Friday, da Google a Facebook), lo praticano in modo sempre più naturale, e crescono con l’inglese obbligatorio e la cultura dell’unilinguismo per cui è la lingua internazionale e c’è solo quello, dalle elementari sino all’Erasmus. La pervasività del fenomeno è tale che persino gli antiglobalisti da centro sociale si definiscono no global e alla fine parlano la lingua delle multinazionali che vorrebbero abbattere e che identificano con il male. E gli ecologisti che idolatrano la svedese Greta Thunberg non hanno la più pallida idea di che cosa significhi l’ecologia linguistica e, come il loro idolo, manifestano contro il climate change fregandosene del cambiamento climatico e linguistico, dando per scontato un mondo che parla solo l’inglese.
Intanto il Ministro della transizione ecologica Roberto Cingolani dichiara che non serve studiare le guerre puniche, ma occorre cultura tecnica, abbracciando la distruzione della scuola che da decenni è al centro dei progetti del Mur che importa prassi, concetti (e parole) d’oltreoceano in un appiattimento culturale di cui si vedono le conseguenze. Il rapporto Censis di pochi giorni fa ha rilevato che per il 5,9% di italiani (3 milioni) il covid non esiste, per quasi l’11% il vaccino è inutile, mentre fanno rabbrividire le percentuali di terrapiattisti, sostenitori del G5 come strumento di controllo delle persone, negazionisti dello sbarco sulla luna e convinti che il crollo delle torri gemelle sia stato un complotto dei servizi segreti statunitensi.
Queste sono anche le conseguenze di un vuoto culturale di cui le istituzioni sono responsabili, e la nuova strategia della supremazia della tecnica sulla cultura, il pragmatismo delle 3 “i” di Berlusconi-Moratti (Internet, Impresa, Inglese) sta portando a un cambio di paradigma che ha molto a che fare con l’americanizzazione della nostra società e la distruzione delle nostre radici in nome di una globalizzazione che è sempre più una colonizzazione non solo economica, ma anche culturale e linguistica. L’inglese è la lingua unica che serve per esprimere il pensiero unico, come negli scenari orwelliani, per semplificare.

Nel solco di quanto già introdotto attraverso i Prin (Progetti di Ricerca di Interesse Nazionale) è appena stato istituito il nuovo Fondo Italiano per la Scienza (FIS, ma di italiano c’è ben poco, e forse quella “i” significa inglese) che prevede ingenti stanziamenti e si deve presentare obbligatoriamente in inglese, e in inglese si devono svolgere gli eventuali dibattiti. Si è introdotto a questo modo un pericoloso precedente che prevede l’abbandono dell’italiano, la nostra lingua madre, messo al bando in nome della lingua inglese, proprio nell’anno delle vuote e retoriche celebrazioni dantesche. Ma del resto la riforma Madia aveva già reso l’inglese lingua obbligatoria per partecipare ai bandi della pubblica amministrazione, mentre atenei come il Politecnico di Milano lavorano da anni per l’insegnamento nel solo inglese.

Su questo scenario di cancellazione dell’italiano si spiega anche l’itanglese, figlio di una mentalità che fa dell’angloamericano la lingua superiore. E l’itanglese è anche la lingua della nuova politica.
Sepolto il vecchio e poco comprensibile politichese novecentesco, il nuovo linguaggio politico è incentrato su un lessico del nuovismo che punta alle parole inglesi. Ma il dramma non è solo che questa lingua è quella della comunicazione politica dell’era di Twitter e degli streaming, l’itanglese è diventato la lingua delle istituzioni che produce jobs act e flat tax, cashback e navigator, cargiver e family day, senza risparmiare nessuno, dalla sinistra alla destra, passando per i pentastellati che hanno problemi con il congiuntivo e sono incapaci anche solo di prendere in considerazione che l’italiano è una risorsa da tutelare, e tanto meno sembrano in grado di comprendere cosa sia una politica linguistica.

L’inglese globale, e l’itanglese sul piano interno, sono la strategia della nuova classe politica che impone un inglese che fiorisce sul cimitero dell’italiano.

Nel 2019 in tanti abbiamo scritto a Di Maio per protestare contro l’introduzione della figura del navigator (uno pseudoanglicismo ridicolo e imbarazzante) e chiedendo di usare una parola italiana.
Nessuno ha ricevuto una risposta.

Nel 2020 ho rivolto una petizione al nostro presidente della Repubblica Sergio Mattarella, con oltre 4.000 firme contro l’abuso dell’inglese. Non è pervenuta alcuna risposta.

Quest’anno ho presentato una petizione di legge alla Camera e al Senato per la tutela della lingua italiana, ma nessun parlamentare ha risposto né la sta prendendo in considerazione.

Davanti alle esternazioni di Mario Draghi contro l’abuso dell’inglese ho scritto al suo capo di gabinetto segnalandogli la petizione e supplicando il presidente del Consiglio di fare qualcosa. Non è pervenuta alcuna risposta.

A parte queste iniziative che hanno raccolto migliaia di firme dal basso, davanti all’obbligo dell’inglese per il FIS (Fondo Italiano per la Scienza) anche la Crusca ha scritto al Ministero, per protestare insieme ad AISV (Associazione Italiana di Scienze della Voce), AItLA (Associazione Italiana di Linguistica Applicata), DiLLE (Didattica delle Lingue e Linguistica Educativa), SIG (Società Italiana di Glottologia), SLI (Società di Linguistica Italiana). Ma nemmeno a queste istituzioni il Ministero ha ritenuto opportuno rispondere.

Il punto, a mio avviso, non è che al Ministero interessi poco la questione, come ha scritto rammaricato il presidente della Crusca Claudio Marazzini. Credo che la faccenda sia ben più grave. Le istituzioni seguono un ben preciso progetto che si basa sul rafforzamento dell’inglese come lingua internazionale a scapito del plurilinguismo, e sul piano interno rivendicano con orgoglio la scelta di usare l’itanglese.

A gennaio, davanti alla decisione del ministro Dario Franceschini di chiamare in inglese, ITsArt, la piattaforma che si propone di “celebrare e raccontare il patrimonio culturale italiano in tutte le sue forme e offrirlo al pubblico di tutto il mondo”, in 300 gli abbiamo scritto pregandolo di riconsiderare quella denominazione che suona come un ossimoro. Ma a nessuno è mai pervenuta una risposta.

Pochi giorni fa il ministro degli esteri Luigi Di Maio, agli Stati generali della lingua italiana e della creatività, ha presentato la nuova campagna di comunicazione per rinnovare l’immagine dell’Italia all’estero che si chiamerà “BeIT”. L’idea della lingua italiana che ha esposto è ben chiara: “BeIT, la campagna di comunicazione straordinaria a sostegno del Made in Italy che la Farnesina sta realizzando in collaborazione con l’Agenzia ICE. Si tratta della prima campagna di nation branding mai realizzata per l’Italia: un racconto digital first dinamico e innovativo costruito proprio attorno a quei valori che caratterizzano l’essere e il saper fare dell’Italia.”
Promuovere l’italiano in itanglese sarebbe comico, se non fosse tragicamente vero. E l’idea dell’italiano che ha la nostra classe politica è quella dell’italiano 2.0 che si chiama itanglese, e non è certo quello di Dante.

Qualche linguista sostiene che “l’itangliano è ancora lontano” e che è tutta un’illusione ottica, qualche altro scrive pezzi intitolati “Chi ha paura degli anglicismi” e altri ancora notano che in fondo sul nuovo Zingarelli ci sono “solo” 3.000 anglicismi (omettendo di dire che nella prima edizione digitale del 1995 erano “solo” 1.800). Intanto l’Alitalia è stata rifondata con il nome di ITA Airways, e quello che sta avvenendo è sotto gli occhi di tutti (Italofonia ha fatto un buon punto della situazione su come le istituzioni stiano distruggendo la nostra lingua).

L’itanglese è ormai la lingua della politica e delle istituzioni, oltre che di tanti altri pezzi della società. È un progetto perseguito con consapevolezza. E la nostra classe dirigente, nell’attuarlo, è responsabile della mutilazione e della morte dell’italiano.