Miss, mia cara miss… anzi “near miss”

TotoRiprendo il tema degli anglicismi introdotti nella nostra lingua dall’espansione delle multinazionali che impongono il proprio linguaggio soprattutto in ambito lavorativo.

La cosa sconcertante è che linee guida basate sui termini inglesi vengono spesso adottate per puro spirito emulativo anche dalle realtà italiane senza che ce ne sia alcun bisogno.

Questo linguaggio, oltre a essere inutile, introduce spesso termini oscuri e incomprensibili ai più, nonostante esistano equivalenti italiani semplici che arrivano a tutti.

E così, un funzionario di un’importante azienda di trasporti nazionale (è italianissima, ma non ne faccio il nome per proteggere la mia fonte) che aveva diramato una comunicazione interna segnalando un banale problema che in un reparto avrebbe potuto provocare un infortunio, si è dovuto giustificare davanti alle osservazioni di un dirigente stizzito perché la comunicazione non recava il titolo di “Near miss” come previsto dalla modulistica aziendale. “In questo modo non lo capisce nessuno” ha replicato il funzionario in una telefonata in cui ha provato a spiegare le motivazioni, ponderate, della sua missiva. Prendendo atto di quelle ragionevoli considerazioni il dirigente ha perciò chiuso un occhio, ma ha disposto che, per il futuro, nelle comunicazioni si sarebbe dovuto indicare “near miss” almeno tra parentesi, perché i protocolli dell’azienda prevedono quella terminologia e non è possibile “bypassarla”.

L’espressione non è stata ancora annoverata nei dizionari, ma near miss non è altro che un “quasi infortunio” o un evento che potrebbe portare a un incidente sul lavoro, se non si interviene. Nei protocolli aziendali dedicati all’infortunistica si trova spesso indicata anche in italiano come “mancato infortunio”, “mancato incidente” o “evento avversario” (ma il più delle volte la traduzione è solo affiancata a quella inglese, sempre più imprescindibile):

“Near miss” o mancato infortunio

Near miss
Si definisce near miss o quasi infortunio qualsiasi evento, correlato al lavoro, che avrebbe potuto causare un infortunio o danno alla salute (malattia) o morte ma, solo per puro caso, non lo ha prodotto: un evento quindi che ha in sé la potenzialità di produrre un infortunio.

Fonte: Azienda Unità Sanitaria Locale di Viterbo

In altre aziende, però, circola solo l’espressione inglese, che non ha nulla a che vedere con un anglicismo conosciuto da tutti sin dall’Ottocento: oltre a “signorina”, “miss” indica anche un bersaglio mancato. E sempre più spesso non facciamo che ripetere questo genere di espressioni angloamericane così come sono, senza nemmeno riflettere sul fatto che esistano semplici equivalenti italiani.

“Near miss” non è un’espressione attualmente registrata dai dizionari, ma quanto tempo dovrà passare prima di trovare il suo posto tra gli altri lemmi?

Dipende dall’uso che si imporrà e da quanto la impiegheremo o saremo costretti a utilizzarla. L’inglese suona come maggiormente preciso, tecnico e scientifico, o prestigioso, moderno e internazionale. In questo modo l’italiano diventa sempre più obsoleto e impiegare la nostra lingua invece dell’itanglese può diventare addirittura un atto di disobbedienza civile o di insubordinazione che comporta ramanzine della dirigenza. A quel funzionario bisognerebbe invece dare una medaglia.

Miss, mia cara miss, cantava Totò, Miss, mia dolce miss, io voglio il bis e tu sai già di che…

Che si riferisse al bis del significato dell’anglicismo?

Annunci

2 pensieri su “Miss, mia cara miss… anzi “near miss”

  1. Ti sono grato di avermi anticipato e spiegato questo nuovo inglesismo, perché sono sicuro che apparirà un giorno all’improvviso e nessuno saprà spiegarmelo, dandolo per scontato 😛
    Sicuro che non abbia un significato anche di “quasi signorina”? Immagino già diversi casi a questo termine si adatterebbe 😀

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...